Circolare n. 288/2015 “Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari” – Riconfigurazione di procedimenti amministrativi.

Per quanto attiene il Rischio Operativo:

Rischio Operativo – Titolo IV Capitolo 10 Sezione I – divieto di adottare il metodo Standardizzato Alternativo per la determinazione dell’indicatore rilevante delle linee di attività “servizi bancari al dettaglio” e “servizi bancari a carattere commerciale” nei casi di cui all’art. 312, par. 1 CRR (termine: 120 gg);

– divieto di passare dal metodo Standardizzato a quello Base, per la determinazione del requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo nei casi di cui all’art. 313, par. 3 CRR (termine: 120 gg);

– divieto dell’uso combinato del metodo Standardizzato e del metodo Base per la determinazione del requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo nei casi di cui all’art. 314, parr. 1 e 4 CRR (termine: 180 gg);

– divieto di apportare modifiche alle modalità di calcolo dell’indicatore rilevante previste dal metodo Base e da quello Standardizzato a seguito di fusione, acquisizione o cessione di entità o attività nei casi di cui all’art. 315, par. 3 e 317 par. 4 CRR (termine: 120 gg).

 

Il testo completo è scaricabile cliccando qui: Comunicazione-Circ-288-2015-Riconfigurazione-di-procedimenti-amministrativi

 

Gli articoli che possono Interessarti...